NR 19 cover

Notte Rossa 2019

11, 12 e 13 ottobre 2019 : torna l'appuntamento con la festa delle Case del Popolo e dei Circoli culturali che vede ormai da sei anni molti luoghi della penisola ospitare eventi culturali e ricreativi, con un programma di tre giorni composto e variegato.

La Notte Rossa è un appuntamento nazionale consolidato che coinvolge numerosi territori in tutta Italia, riuscendo ad animare durante i tre giorni della manifestazione oltre 200 luoghi che hanno una storia in comune, Case del Popolo e circoli culturali sorti spontaneamente nel secolo scorso per dare uno spazio di ritrovo a lavoratori e cittadini che sono stati mantenuti negli anni grazie ai tanti che gratuitamente li gestiscono.
Luoghi che hanno dimostrato di poter tornare ad essere nuovamente spazi in cui confrontarsi rinforzando il legame con le realtà circostanti.
Come sempre ogni località può organizzare e ideare autonomamente la propria partecipazione. Un'adesione libera e spontanea che fa registrare anche la voglia di partecipare alla manifestazione da parte di altri spazi: musei, librerie, mercati, ecc... Realtà terze che si sentono comunque coinvolte nello spirito de La Notte Rossa.

Negli anni si è delineato un riconoscimento culturale che fa de La Notte Rossa un appuntamento atteso ed importante, per quanti vogliono dedicare un fine settimana all'approfondimento culturale.
La Notte Rossa è diventata in sette anni un catalizzatore di interesse per chi si riconosce nella necessità di aggregazione e di confronto. 
L'ambizione è quella di riuscire ad ampliare le adesioni alla manifestazione, sia attraverso il coinvolgimento di nuove associazioni, sia tramite una diffusione territoriale maggiore, valorizzando gli spazi dell'aggregazione sociale, le Case del Popolo e i Circoli culturali e operai per  diffondere i valori della cultura democratica che ci sono propri. 
Anche quest’anno le numerose iniziative organizzate, spesso diverse tra di loro, avranno un’attenzione particolare per alcuni temi: la memoria, la storia, l’ attualità con un’attenzione particolare al “Mediterraneo”, ci pare evidente che il multiculturalismo, l'accoglienza e la convivenza tra i popoli siano le questioni che più scuotono le nostre coscienze oggi, infine si rivolgerà lo sguardo al futuro, per consolidare il ruolo delle Fondazioni Democratiche come punti di incontro e confronto delle diverse espressioni della Sinistra e delle forze progressiste.

In questi anni ci siamo accresciuti e abbiamo creato molto interesse intorno alla nostra manifestazione, la credibilità e l'attenzione che ci vengono riconosciute oggi, sono un prezioso capitale sociale che abbiamo intenzione di  coltivare con nuove e interessanti proposte.
Un programma vario, dunque, come da tradizione, che da qualche anno ormai fa de La Notte Rossa un appuntamento adatto a tutti, che avvicina generazioni diverse e fa nascere collaborazioni e legami che si fortificano di anno in anno.
Buona Notte Rossa, a  tutti!

IL MANIFESTO DE LA NOTTE ROSSA 2019

Mediterraneo” è il titolo dell’opera scelta per il manifesto de La Notte Rossa 2019.

Un olio su tela dell’artista Aurelio Barducci, detto Silvano, cesenate, classe ’46; approda appena adolescente nello studio del celebre Alberto Sughi luogo di tantissimi incontri di pittori, scultori, registi e critici.

E’ qui che inizia la sua carriera di pittore, diventando una figura fondamentale dell’arte italiana. Una pittura che, come scrive lo stesso Sughi, è ricerca di libertà al di fuori ogni tendenza convenuta, alle volte il registro è drammatico, altre dolce, quasi elegiaco, Barducci dà prova di una maestria che sfiora il virtuosismo, alternandola ad una forma più contenuta, scabra e più poetica.

“Mediterraneo” scelto per il manifesto de La Notte Rossa 2019, rappresenta i temi attuali e complessi dell’immigrazione e dell’accoglienza, a cui la manifestazione riserva da sempre un’attenzione speciale, di seguito le parole dell’artista.

Quadro Mediterraneo CoverPersone che lottano per la loro felicità e per quella dei loro cari
Esseri umani viaggiano nel desolato deserto dell'Europa di oggi dopo aver vagato per mesi nel deserto vero. 
Uomini, donne, bambini in fuga dai loro paesi, costretti a lasciare tutto nel tentativo di assicurarsi una possibilità di vera vita. 
Intorno alle loro vicende un coro da tragedia greca, la politica e la gente comune come un tribunale senza eguali. 

Lasciare la propria terra, partire verso l'ignoto, essere stranieri in un altro paese, sono argomenti vivi e presenti, che continuamente graffiano la nostra pelle.

Dobbiamo vedere il tema del mare come qualcosa che ci riguarda come individui.
Dobbiamo vedere i migranti e i richiedenti asilo come persone anzichè come una folla indistinta; persone che possiamo incontrare, conoscere e non come un problema astratto.

Questo è, pensando al dipingere, un tempo molto complesso ma che un pittore, attanagliato dalla passione, ha l'esigenza di raccontare con i colori e la tela.

  • 1
  • 2


logoberlinguersmallFondazione 2007 – Centro Studi sulla politica | Fondazione Abruzzo Riforme | Fondazione Alessandro Natta | Fondazione Andrea Mascagni | Fondazione Antonio De Maria | Fondazione Antonio Taramelli | Fondazione Ariella Farneti | Fondazione Arta | Associazione Culturale La Quercia di Arezzo | Associazione Culturale La Quercia di Grosseto | Circolo Operaio di Magrè | Fondazione Basilicata Futuro | Fondazione Bella Ciao | Fondazione Biella Domani | Fondazione Bruno Ferraris | Fondazione Canavese Democratico | Fondazione Centofiori | Fondazione Ciceri-Losi | Fondazione Città Futura | Fondazione Cremona Democratica | Fondazione Diesse | Fondazione DS | Fondazione Duemila | Fondazione Elio Quercioli | Fondazione Enrico Berlinguer | Fondazione Berlinguer | Fondazione Gerardo Chiaromonte | Fondazione Giulio Dolchi | Fondazione Giuseppe Belli | Fondazione Gritti Minetti | Fondazione Gualtiero Sarti | Fondazione Isonzo | Fondazione L’Approdo | Fondazione L’Arca | Fondazione La Quercia Pisana | Fondazione La Rosa Apuana | Fondazione Le radici della sinistra | Fondazione Luigi Longo | Fondazione Mauro Nordera Busetto | Fondazione Medicina Democratica | Fondazione Modena 2007 | Fondazione Novarese Democratici di Sinistra | Fondazione Nuova Società | Fondazione Piacenza Futura | Fondazione Pietro Conti | Fondazione Politica per Imola | Fondazione Prato Europa Futuro | Fondazione Primo Maggio | Fondazione Reggio Tricolore | Fondazione Riformismo nel Friuli Venezia Giulia | Fondazione Rimini Democratica per la Sinistra | Fondazione Rinascita di Vercelli | Fondazione Rinascita 2007 di Venezia | Fondazione Sinistra Trentina | Fondazione Società Bellunese | Fondazione Tommaso Sicolo | Fondazione Treviso 2000 | Fondazione Valmi Puntin | Fondazione Vittorio Foa | Fondazione XXV Aprile

Partecipano localmente i comitati di

UISP
CARITAS DIOCESANA
AMNESTY INTERNATIONAL
UNICEF
ARCI
LEGACOOP
ANPI
LIBERA
CEFA
EMERGENCY
Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Se accedi ad un qualunque elemento di questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, Leggi Informativa o per dichiarare la corretta comprensione e di accettare click su Accetto.