cover 2014 teaser small

Tre "Notti rosse" al Circolone per i suoi 110 anni

Assesempione 3 ottobre 2014
Legnano - Il Circolo Fratellanza e Pace di Legnano aderisce all'appuntamento nazionale LA NOTTE ROSSA 2014presentando diversi appuntamenti musicali, confronti e momenti culturali nella propria sede in via San Bernardino, 12 - Legnano.
VENERDÌ 3 OTTOBRE. 
Inaugurazione delle NOTTI ROSSE intorno alle 21,30 con un grande brindisi fra tutti i presenti; il Presidente Ferioli introdurrà la tre giorni con un breve intervento per ricordare il motivo dell'iniziativa e il carattere nazionale che unirà Case del Popolo, Arci e Circoli Cooperativi.
A seguire Concerto Balcanico e Gnoccofritto, per tutti quelli che entrano un bicchiere del nostro Chianti in modo che possano partecipare al brindisi delle Notti.
SABATO 4 OTTOBRE
Con ZOOLIVE Riparte la 18a rassegna dei Concerti per giovanissimi che ha caratterizzato il Circolone negli ultimi anni.
DOMENICA 5 OTTOBRE 
A mezzogiorno pranzo Sociale per soci, amici e ospiti: "l'Arte de l'Ossbus".
ANTIPASTO CON SALUMI ARTIGIANALI ABRUZZESI - RISOTTO CON L'OSS BUS - DOLCE DEL CIRCOLONE - Vino scelto: DOLCETTO D'OVADA
Il pranzo sarà accompagnato da interventi di poesia da "La Cultura dei Sogni" con Pino Landonio e Annunciata Colombo
PRENOTARE AL NUMERO 0331. 596110
Nel pomeriggio Lotteria e Riffa a sostegno del Circolone e dei suoi Centodieci Anni

Stampa Email

Sposetti: "Non resta più niente, i militanti se ne vanno"

Repubblica.it  di GIOVANNA CASADIO

ROMA - "Il PdR, il Pd di Renzi? Il partito personale non crea iscritti". Ugo Sposetti, il compagno tesoriere dei Ds, senatore dem, fa un'analisi spietata.
Sposetti, pochi iscritti dem, di chi è la colpa?
"Lo chieda agli attuali dirigenti. A me fa pure male saperlo, mi dà sofferenza. Ma la responsabilità è evidentemente di chi dirige. E comunque il Pd non è più un partito".
Lei è della "vecchia guardia".
"Vecchia guardia saranno loro! È un modo spregiativo usare toni come questo, ovvio che scompaiono i militanti. Un partito è un'altra cosa. Un partito senza iscritti, senza risorse, senza rispetto della vita democratica interna, cos'è?".
Cos'è?
"Non lo so, ma di certo non è più un partito".
Servono ancora i partiti?
"I partiti sono stati scuola, comunità, famiglia. Poi nella Prima Repubblica è successo quel che è successo, ma dovrebbe esserci il senso di comunità".
Quindi cosa resta?
"Non resta più niente se, ad esempio, uno esprime dissenso come hanno fatto alcuni dirigenti nell'ultima Direzione del Pd sull'articolo 18, e chi dovrebbe tenere insieme tutti, fa attacchi abbastanza volgari. Ecco quindi che un partito non diventa più una comunità: è un'altra cosa. È come se in una famiglia uno non potesse esprimere più un pensiero che ... pah, gli arriva uno schiaffone".
La minoranza, di cui lei fa parte, nell'ultima direzione è stata asfaltata?
"Asfaltata?! Ma chi ha fatto marcia indietro sull'articolo 18 è il presidente del Consiglio. Tutti al Senato aspettiamo l'emendamento al governo che corregge il governo, cioè quell'emendamento che recepisce le modifiche della Direzione. Siamo in trepidante attesa".
Lei vuole bene al Pd?
"Guardi, hanno cambiato il nome alle feste dell'Unità sette anni fa, e io dissi: "È un errore. vi pare che si cambia il marchio alla Nutella?". Non fui ascoltato. Ora il brand Festa dell'Unità è stato riscoperto. Allora si è posto il problema del logo. Ma se non ci fosse stato un idiota che risponde al nome di Ugo Sposetti, che ha registrato e pagato per sette anni il dominio Festa dell'Unità, non si sarebbe potuto usare. Il Pd sta in 1.800 circoli di proprietà del famigerato Pci-Pds-Ds, e non paga né Tarsu né Imu né condominio.  Sono sedi che vengono dal lavoro e dalla fatica di centinaia di militanti comunisti. Non mi sembra che a dirigere il Pd oggi ci siano grandi manager che possano gestire questo patrimonio. Quindi le cose restano come sono".

Stampa Email

Fassina e il suo libro: oggi si presenta la minoranza del Pd

Gazzetta di Mantova 4 ottobre
L'incontro alle 17.30 all'Arci Salardi di via Vittorino da Feltre. L'iniziativa nell'ambito di "Notte rossa 2014"
MANTOVA.  Al circolo Arci Salardi di via Vittorino da Feltre, è atteso oggi alle 17.30 il parlamentare del Pd Stefano Fassina per la presentazione del suo libro «Lavoro e libertà». Fassina appartiene alla minoranza del Pd che assieme a Civati e altri esponenti del partito ha criticato la proposta della maggioranza e dello stesso Renzi su Jobs act e Articolo 18. A moderare l'incontro Piero Di Antonio della Gazzetta di Mantova. Introduzione dell’on. Marco Carra.
L'iniziativa rientra nell'ambito dell'evento nazionale di oggi domani e del 5, «Notte rossa 2014, popoli e diritti».


Stampa Email

La sinistra riapre le Case del popolo: e la Notte rossa

QN Bologna 4 ottobre 2014
BOLOGNA
NEL PD squassato dalle tensioni interne, sgomento di fronte a un’emorragia di tesserati che non ha precedenti, da Bologna si guarda al passato per sperare in un futuro migliore. Nella terra che fu sede della più grande federazione comunista del mondo occidentale, l’ala sinistra del Pd riscopre le proprie origini: le Case del popolo. Nata l’anno scorso nel capoluogo emiliano, la ‘Notte Rossa’ è diventata una manifestazione nazionale che per tre giorni e tre notti — da ieri a domani — anima in tutta Italia oltre 150 luoghi cari alla sinistra, fra Case del popolo, circoli culturali e circoli operai.
Nel 2013, la prima edizione della manifestazione, limitata al bolognese, ha rianimato una ventina di Case del popolo con incontri culturali, musica, spettacoli e crescentine. 
«Volevamo farle conoscere ai giovani», spiega Mauro Roda, presidente della Fondazione Duemila, che gestisce il patrimonio di tutti i circoli ereditati dall’ex Pci. Il bilancio? «Buono, alcune migliaia di persone, molte facce nuove».
Il Pd, partendo da Bologna, pensa a un rilancio delle Case del popolo. Sconosciute a chi ha meno di 40 anni, spesso vivacchiano fra un tombolone e una festa sociale. Si vuole evitare di dovere vendere pezzi di memoria. 
«Senza nostalgia, per provare ad essere utili nelle mutate condizioni sociali di oggi — spiega Roda —, offrendo spazi per attività autogestite dai ragazzi. Perché lo spirito di allora è valido ancora».
QUEST’ANNO, la manifestazione diventa nazionale. Non cambia la filosofia di fondo: «Tra memoria e futuro», è lo slogan. Tema della tre giorni: popoli e diritti. Nel fitto calendario di eventi e incontri, oggi arriva a Bologna Gianni Cuperlo, uno dei leader della sinistra Pd. Alla Casa del popolo ‘Casetta rossa’ si parla di «Europa e Italia nel mondo». Il Pd prova a parlare ai giovani, a guardare al futuro. Cercando di non restare invischiato nella carta moschicida della nostalgia.

Luca Orsi

Stampa Email

NOTTE ROSSA, CASE DEL POPOLO APERTE AL PUBBLICO: “RENZI C’È BISOGNO DI SINISTRA”

Seconda edizione dell'appuntamento che dal 3 al 5 ottobre porta incontri e dibattiti in Emilia Romagna, ma anche Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana e Marche. A Bologna è l'occasione per lanciare la "mensa popolare"
di  | Bologna | 3 ottobre 2014
“Renzi la dimentica, ma il popolo ha ancora bisogno di sinistra”. Lo spiegano con chiarezza gli organizzatori de La Notte Rossa: seconda edizione, dal 3 al 5 ottobre 2014 presso le 24 Case del Popolo di Bologna e provincia. Un’edizione che si fa subito di respiro nazionale coinvolgendo altre 250 Case del Popolo sparse tra Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana e Marche: appuntamenti culturali, presentazioni di libri, concerti, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche e la voglia di (ri)tornare a confrontarsi fisicamente sui temi del presente in luoghi concreti come le antiche ma pur sempre funzionanti e ristrutturate Case del Popolo.

Leggi tutto

Stampa Email

La Notte Rossa di festa e lavoro: tigelle, dibattiti e articolo 18

Da http://bologna.repubblica.it/  
Arriva la rassegna "Popoli e diritti". Il calendario degli appuntamenti il 3,4,5 ottobre di BEPPE PERSICHELLA

Serviva alla sinistra del Pd, in questi giorni di aspro dibattito sul futuro del mondo del lavoro, un momento per ritrovarsi, proprio lì dove tutto ha avuto inizio. Quale altra occasione migliore allora della “Notte Rossa”, che questo anno si fa in tre e diventa evento nazionale, dopo l’esordio dell’anno scorso quando la Fondazione Duemila (la cassaforte dei Dem) aprì per una notte ai bolognesi le sue Case del Popolo.

Questa volta però si fa sul serio. Intanto da uno si passa a tre giorni di incontri — 3,4,5 ottobre — che oltre alla città coinvolgeranno alcuni comuni della provincia e altre regioni del centro nord (Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche e Toscana)

Stampa Email



logoberlinguersmallFondazione 2007 – Centro Studi sulla politica | Fondazione Abruzzo Riforme | Fondazione Alessandro Natta | Fondazione Andrea Mascagni | Fondazione Antonio De Maria | Fondazione Antonio Taramelli | Fondazione Ariella Farneti | Fondazione Arta | Associazione Culturale La Quercia di Arezzo | Associazione Culturale La Quercia di Grosseto | Circolo Operaio di Magrè | Fondazione Basilicata Futuro | Fondazione Bella Ciao | Fondazione Biella Domani | Fondazione Bruno Ferraris | Fondazione Canavese Democratico | Fondazione Centofiori | Fondazione Ciceri-Losi | Fondazione Città Futura | Fondazione Cremona Democratica | Fondazione Diesse | Fondazione DS | Fondazione Duemila | Fondazione Elio Quercioli | Fondazione Enrico Berlinguer | Fondazione Berlinguer | Fondazione Gerardo Chiaromonte | Fondazione Giulio Dolchi | Fondazione Giuseppe Belli | Fondazione Gritti Minetti | Fondazione Gualtiero Sarti | Fondazione Isonzo | Fondazione L’Approdo | Fondazione L’Arca | Fondazione La Quercia Pisana | Fondazione La Rosa Apuana | Fondazione Le radici della sinistra | Fondazione Luigi Longo | Fondazione Mauro Nordera Busetto | Fondazione Medicina Democratica | Fondazione Modena 2007 | Fondazione Novarese Democratici di Sinistra | Fondazione Nuova Società | Fondazione Piacenza Futura | Fondazione Pietro Conti | Fondazione Politica per Imola | Fondazione Prato Europa Futuro | Fondazione Primo Maggio | Fondazione Reggio Tricolore | Fondazione Riformismo nel Friuli Venezia Giulia | Fondazione Rimini Democratica per la Sinistra | Fondazione Rinascita di Vercelli | Fondazione Rinascita 2007 di Venezia | Fondazione Sinistra Trentina | Fondazione Società Bellunese | Fondazione Tommaso Sicolo | Fondazione Treviso 2000 | Fondazione Valmi Puntin | Fondazione Vittorio Foa | Fondazione XXV Aprile

Partecipano localmente i comitati di

UISP
CARITAS DIOCESANA
AMNESTY INTERNATIONAL
UNICEF
ARCI
LEGACOOP
ANPI
LIBERA
CEFA
EMERGENCY
Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Se accedi ad un qualunque elemento di questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, Leggi Informativa o per dichiarare la corretta comprensione e di accettare click su Accetto.