cover 2014 teaser small

Rassegna web 2015

"CronacaComune" Quotidiano online del Comune di Ferrara

Cronache Comune - Ferrara26-09-2014 MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Nelle giornate dal 3 al 5 ottobre in sedici spazi del territorio

'Notte Rossa 2014', week end di festa nelle Case del Popolo

Dall'animazione per bambini al karaoke, dalla sessione di ballo latino-americano al torneo di burraco o biliardo, dal dibattito per richiamare le tematiche dell'Udi alla cena. Sono ventuno, ma altri si stanno aggiungendo, gli appuntamenti de "La notte rossa 2014 - popoli e diritti" che nelle giornate dal 3 al 5 ottobre saranno messe in campo da sedici Case del popolo della nostra provincia. L'iniziativa, patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Ferrara, si inserisce in un progetto di carattere nazionale che vedrà coinvolte in tutta l'Italia oltre 160 Case del Popolo voluto per valorizzare e far conoscere alle generazioni attuali questi fondamentali spazi di aggregazione e di socialità, veri punti saldi della storia del nostro Paese.
L'iniziativa è stata illustrata oggi in Municipio dall'assessore comunale al Decentramento Simone Merli, dalla presidente della Provincia di Ferrara Marcella Zappaterra e dal presidente provinciale Arci Paolo Marcolini insieme agli altri rappresentanti del comitato promotore (Fondazione L'Approdo, Legacoop Ferrara, Associazione Enrico Berlinguer, Uisp, Coop Camelot, Fondazione 2000, Coop Case del Popolo, UDI, CGIL, ANPI, Istituto di Storia Contemporanea, SPI CGIL). 
"Vogliamo provare a mostrare queste realtà anche a chi non le ha vissute, raccontare a tutti di un mutualismo diffuso che faceva condividere vita, lavoro e aspirazioni. - ha affermato Paolo Marcolini di Arci Ferrara -  Le Case del Popolo della provincia di Ferrara ancora attive in varie forme sono circa cinquanta. Si tratta di spazi che, anche se trasformati rispetto al modello originale e in mano ai giovani, rappresentano per alcuni luoghi del nostro territorio le uniche opportunità di aggregazione". 
"La riforma che ha portato alla chiusura delle Circoscrizioni - ha ricordato l'assessore Simone Merli - ha reso oltremodo fondamentale la persistenza di questi e altri riferimenti esistenti sul territorio, dove, nonostante il cambiamento dei linguaggi possono continuare a vivere i valori delle comunità. Nella realtà odierna solo con l'unione delle forze si possono individuare e risolvere le problematicità di un territorio; l'organizzazione delle iniziative della "Notte rossa", risultato messo a punto grazie ad una rete di soggetti che ha saputo superare i particolarismi, ben si inserisce in questo percorso."

(Comunicato a cura degli organizzatori)
Case del Popolo, Circoli culturali ed Operai. Sono termini usati in diverse aree del nostro Paese per definire luoghi che hanno in comune una stessa storia e un cammino analogo: immobili costruiti con ore di lavoro volontario, sorti spontaneamente nella penisola per dare uno spazio di ritrovo a lavoratori e cittadini. Nati fin dalla fine del 1800, nel corso degli anni sono stati centri importanti per lo sviluppo del territorio circostante e della coscienza dell'intero Paese. Sono i luoghi in cui sono nate le organizzazioni sociali, in cui si sono affermati diritti e sono state create le prime strutture per rispondere ai bisogni della popolazione.
Luoghi vissuti e di vita vissuta che hanno spesso riconosciuto il valore di movimenti, associazioni, sindacati e partiti nella loro funzione di mediatori sociali e di spinta per il cambiamento, con cui impegnarsi in battaglie affini per vedere riconosciuti diritti e costruire insieme le risposte necessarie.
I bisogni crescenti della società moderna, sia individuali che collettivi, rendono manifesta l'esigenza di tornare a vivere luoghi condivisi, in cui affrontare insieme le necessità del quotidiano rafforzando l'efficacia della propria azione.
Da questa esigenza nasce l'idea di far rivivere le Case del Popolo e i luoghi che ne condividono la storia. Questi spazi, che esistono ancora grazie ai volontari, sono ancora oggi, luoghi in cui confrontarsi mantenendo un legame con la realtà circostante.
La Notte Rossa è una manifestazione nazionale che riconosce l'importanza storica di questi luoghi e vuole valorizzarli per farli rivivere e apprezzare anche dalle nuove generazioni. Una sorta di "passaggio del testimone", che vede i giovani protagonisti di una tre giorni in cui parlare di diritti e nuovi bisogni, affiancando alla storia un rinnovato impegno.
E' per questo che 16 Case del Popolo della Provincia di Ferrara hanno aderito all'iniziativa e costruito un programma con 21 attività in cui dare spazio alla diffusione culturale e artistica, con particolare attenzione ai giovani e alle necessità delle singole realtà, ma anche a momenti di svago ed aggregazione, turistico culturali e sociali che potranno coinvolgere le frazioni e questi importantissimi spazi.
L'iniziativa è coordinata da un comitato promotore e da diversi partners che hanno vissuto la storia e la vita di questi luoghi di memoria storica, contadina ed operaia:
Arci Ferrara, Fondazione L'Approdo, Legacoop Ferrara, Associazione Enrico Berlinguer, Uisp, Coop Camelot, Fondazione 2000, Coop Case del Popolo, UDI, CGIL, ANPI, Istituto di Storia Contemporanea, SPI CGIL.
E' chiara, quindi, l'ambizione al recupero e alla trasmissione di valori e tradizioni, da coniugare in modo più aggiornato, per far vivere questi luoghi, spazi di mediazione interculturale e intergenerazionale.
L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Ferrara - Assessorato al Decentramento e dalla Provincia di Ferrara.
Informazioni ed adesioni sul sito: www.lanotterossa.it e presso Arci Ferrara: 0532.241419

Stampa Email



logoberlinguersmallFondazione 2007 – Centro Studi sulla politica | Fondazione Abruzzo Riforme | Fondazione Alessandro Natta | Fondazione Andrea Mascagni | Fondazione Antonio De Maria | Fondazione Antonio Taramelli | Fondazione Ariella Farneti | Fondazione Arta | Associazione Culturale La Quercia di Arezzo | Associazione Culturale La Quercia di Grosseto | Circolo Operaio di Magrè | Fondazione Basilicata Futuro | Fondazione Bella Ciao | Fondazione Biella Domani | Fondazione Bruno Ferraris | Fondazione Canavese Democratico | Fondazione Centofiori | Fondazione Ciceri-Losi | Fondazione Città Futura | Fondazione Cremona Democratica | Fondazione Diesse | Fondazione DS | Fondazione Duemila | Fondazione Elio Quercioli | Fondazione Enrico Berlinguer | Fondazione Berlinguer | Fondazione Gerardo Chiaromonte | Fondazione Giulio Dolchi | Fondazione Giuseppe Belli | Fondazione Gritti Minetti | Fondazione Gualtiero Sarti | Fondazione Isonzo | Fondazione L’Approdo | Fondazione L’Arca | Fondazione La Quercia Pisana | Fondazione La Rosa Apuana | Fondazione Le radici della sinistra | Fondazione Luigi Longo | Fondazione Mauro Nordera Busetto | Fondazione Medicina Democratica | Fondazione Modena 2007 | Fondazione Novarese Democratici di Sinistra | Fondazione Nuova Società | Fondazione Piacenza Futura | Fondazione Pietro Conti | Fondazione Politica per Imola | Fondazione Prato Europa Futuro | Fondazione Primo Maggio | Fondazione Reggio Tricolore | Fondazione Riformismo nel Friuli Venezia Giulia | Fondazione Rimini Democratica per la Sinistra | Fondazione Rinascita di Vercelli | Fondazione Rinascita 2007 di Venezia | Fondazione Sinistra Trentina | Fondazione Società Bellunese | Fondazione Tommaso Sicolo | Fondazione Treviso 2000 | Fondazione Valmi Puntin | Fondazione Vittorio Foa | Fondazione XXV Aprile
Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Se accedi ad un qualunque elemento di questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, Leggi Informativa o per dichiarare la corretta comprensione e di accettare click su Accetto.