cover 2014 teaser small

2014 Rassegna Stampa

La sinistra riapre le Case del popolo: e la Notte rossa

QN Bologna 4 ottobre 2014
BOLOGNA
NEL PD squassato dalle tensioni interne, sgomento di fronte a un’emorragia di tesserati che non ha precedenti, da Bologna si guarda al passato per sperare in un futuro migliore. Nella terra che fu sede della più grande federazione comunista del mondo occidentale, l’ala sinistra del Pd riscopre le proprie origini: le Case del popolo. Nata l’anno scorso nel capoluogo emiliano, la ‘Notte Rossa’ è diventata una manifestazione nazionale che per tre giorni e tre notti — da ieri a domani — anima in tutta Italia oltre 150 luoghi cari alla sinistra, fra Case del popolo, circoli culturali e circoli operai.
Nel 2013, la prima edizione della manifestazione, limitata al bolognese, ha rianimato una ventina di Case del popolo con incontri culturali, musica, spettacoli e crescentine. 
«Volevamo farle conoscere ai giovani», spiega Mauro Roda, presidente della Fondazione Duemila, che gestisce il patrimonio di tutti i circoli ereditati dall’ex Pci. Il bilancio? «Buono, alcune migliaia di persone, molte facce nuove».
Il Pd, partendo da Bologna, pensa a un rilancio delle Case del popolo. Sconosciute a chi ha meno di 40 anni, spesso vivacchiano fra un tombolone e una festa sociale. Si vuole evitare di dovere vendere pezzi di memoria. 
«Senza nostalgia, per provare ad essere utili nelle mutate condizioni sociali di oggi — spiega Roda —, offrendo spazi per attività autogestite dai ragazzi. Perché lo spirito di allora è valido ancora».
QUEST’ANNO, la manifestazione diventa nazionale. Non cambia la filosofia di fondo: «Tra memoria e futuro», è lo slogan. Tema della tre giorni: popoli e diritti. Nel fitto calendario di eventi e incontri, oggi arriva a Bologna Gianni Cuperlo, uno dei leader della sinistra Pd. Alla Casa del popolo ‘Casetta rossa’ si parla di «Europa e Italia nel mondo». Il Pd prova a parlare ai giovani, a guardare al futuro. Cercando di non restare invischiato nella carta moschicida della nostalgia.

Luca Orsi

Stampa Email



logoberlinguersmallFondazione 2007 – Centro Studi sulla politica | Fondazione Abruzzo Riforme | Fondazione Alessandro Natta | Fondazione Andrea Mascagni | Fondazione Antonio De Maria | Fondazione Antonio Taramelli | Fondazione Ariella Farneti | Fondazione Arta | Associazione Culturale La Quercia di Arezzo | Associazione Culturale La Quercia di Grosseto | Circolo Operaio di Magrè | Fondazione Basilicata Futuro | Fondazione Bella Ciao | Fondazione Biella Domani | Fondazione Bruno Ferraris | Fondazione Canavese Democratico | Fondazione Centofiori | Fondazione Ciceri-Losi | Fondazione Città Futura | Fondazione Cremona Democratica | Fondazione Diesse | Fondazione DS | Fondazione Duemila | Fondazione Elio Quercioli | Fondazione Enrico Berlinguer | Fondazione Berlinguer | Fondazione Gerardo Chiaromonte | Fondazione Giulio Dolchi | Fondazione Giuseppe Belli | Fondazione Gritti Minetti | Fondazione Gualtiero Sarti | Fondazione Isonzo | Fondazione L’Approdo | Fondazione L’Arca | Fondazione La Quercia Pisana | Fondazione La Rosa Apuana | Fondazione Le radici della sinistra | Fondazione Luigi Longo | Fondazione Mauro Nordera Busetto | Fondazione Medicina Democratica | Fondazione Modena 2007 | Fondazione Novarese Democratici di Sinistra | Fondazione Nuova Società | Fondazione Piacenza Futura | Fondazione Pietro Conti | Fondazione Politica per Imola | Fondazione Prato Europa Futuro | Fondazione Primo Maggio | Fondazione Reggio Tricolore | Fondazione Riformismo nel Friuli Venezia Giulia | Fondazione Rimini Democratica per la Sinistra | Fondazione Rinascita di Vercelli | Fondazione Rinascita 2007 di Venezia | Fondazione Sinistra Trentina | Fondazione Società Bellunese | Fondazione Tommaso Sicolo | Fondazione Treviso 2000 | Fondazione Valmi Puntin | Fondazione Vittorio Foa | Fondazione XXV Aprile
Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Se accedi ad un qualunque elemento di questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, Leggi Informativa o per dichiarare la corretta comprensione e di accettare click su Accetto.